#peaceforukraine

A seguito dei tragici eventi dovuti alla guerra in Ucraina e della crisi umanitaria che ha colpito un intero popolo, il gruppo CIFA ha voluto aiutare concretamente le vittime partecipando a iniziative organizzate da associazioni sul territorio, tramite i contatti diretti di colleghi e della propria rete. Nelle scorse settimane CIFA, Valme e Zoomlion Capital hanno coordinato e partecipato ad alcune azioni umanitarie rivolte al popolo ucraino.

Prima missione 
Con il Comune di Segrate (e altri comuni dell’hinterland milanese) e la Chiesa Metropolia Ortodossa di Aquileia di Milano, lo scorso 4 marzo CIFA ha messo a disposizione alcuni veicoli che si sono aggiunti al convoglio di TIR e furgoni che hanno consegnato circa 150 tonnellate di aiuti nella città di Toporivtsi in Ucraina, presso un deposito gestito dalla chiesa locale di Cernivci. Medicine, abiti, cibo, acqua potabile e attrezzature mediche saranno distribuiti agli ospedali per civili e militari. Nel viaggio di ritorno cinque persone, tra cui una bambina molto piccola, sono state portate in Italia dove hanno potuto ricongiungersi ai propri familiari. In rappresentanza di tutto il gruppo CIFA, Fabio Degli Angeli, General Manager di VALME.


Seconda missione 
Tramite il collega Vikentiy Madyar dello stabilimento di Castiglione delle Stiviere, CIFA e Zoomlion Capital hanno aiutato l’associazione in cui presta volontariato la figlia, Ukrainian Charity Fund 'Heart to Heart', con due furgoni carichi di scatole contenenti medicinali, cibo, vestiti e materiali di primo intervento. Lo stesso Vikentiy e i colleghi Giovanni Giudici e Zbigniew Zaremba hanno raggiunto la cittadina slovacca di Vishne Nemezke (sul confine con l’Ucraina) sede del centro di raccolta dell’associazione. 


Terza missione
Nelle prossime settimane un carico di medicinali per i profughi viaggerà in direzione Polonia verso la sede del nostro dealer polacco TarCo, già molto attivo nell’accoglienza delle numerose persone che hanno abbandonato l’Ucraina dall’inizio del conflitto.